BLOG - THE GOSSIP

Giovedì, Settembre 21, 2017

SCF 2012: conclusione col botto: 9a di Adam Ondra - Ballerini e Feroleto vincono la Top

La Top marathon si è svolta oggi sotto uno splendido sole, che ha portato fortuna anche ad Adam Ondra: il campione ceco libera il primo 9a su terra di Sicilia, chiodato con l'aiuto di Berni, il suo amico bresciano. 

un lungo arco strapiombante da percorrere sul bordo con due blocchi: uno a metà e uno alla fine. Condizioni climatiche buone, sale un po di vento ed Ondra parte, supera brillantemente il primo singolo duro, ma deve affrontare il secondo, in uscita, con il sole che nel frattempo ha rubato spazio al vento.

sbaglia il lancio definitivo e si ferma su un piatto intenibile, pare venir via. Invece tiene una negativa, esplode nel suo solito urlo e con grinta che lui definisce fortuna, ripete il lancio portandosi  fuori dall'arco. Gli ultimi passi sono per la gloria e gli applausi. Per il grado conferma la sensazione avuta durante i tentativi: è un 9a 

 

 come dice nel video, trovarlo è sempre un passo chiave, che lì per lì non gli era ancora riuscito. poi, davanti ad un buon cannolo, eccolo:
Climb For Life. In onore dell'associazione che sta facendo trovare il gusto dell'impegno sociale ai climber italiani.

 

Un attimo dopo "Berni" Rivadossi chiude il tiro gemello che ha chiodato con Adam: un bellissimo 8b di nome "Articioc", che in bresciano significa carciofo.

Ma l'evento era la Top marathon, partita presto con gli atleti scalpitanti. Quest'anno punteggi singoli e non più di coppia, quindi ognuno faceva gara a se. Diverse le tattiche: qualcuno è partito dai tiri più duri altri dai facili per scaldarsi, l'obiettivo per tutti però era non appendersi per andare a punti e massimizzare le energie. Mauro Calibani chiude due 7c+: English Wanderbra e Ziggs. Marco Ballerini tiene un profilo più basso ma vincente, stampa infatti 6 tiri, uno in più di Calibani, e lo supera di soli 10 punti: 430 a 420. 

tra le donne Daniela Feroleto decide di perdere un po di tempo su un tiro duro che sente alla portata. Ne prova e risolve il singolo, e al giro dopo chiude Il Signor Ratto 7c+, che la porta alla vittoria finale.

Gran finale al PalaBia, con premiazioni di tutte le competizioni di arrampicata, running e mountainbike.

Una edizione ancora meglio riuscita delle precedenti, per un evento che è maturo ma che ancora deve dare il meglio di se: 678 pacchi gara consegnati, per un 80% di arrampicatori, anche se molti hanno partecipato a diverse discipline, come Adam Ondra che ha partecipato alla Black Diamond Night Trial.

Tanto interesse dal mondo delle aziende, tra sponsor e osservatori, e tanta sorpresa tra i giganti del turismo sportivo: Arco e Finale in testa. Gli amministratori e i tecnici giunti per il convegno, hanno scoperto un valido partner per lavorare insieme allo sviluppo del nostro sport in Italia.

 

a breve l'highlight dell'ultimo giorno.

 

scarica i podi della Top e della Open Marathon

  

   

Mauro Calibani a Parco Ceriolo - Ph. Mathieu Goradesky   SanVitoclimbingfestivalDay4-1    

Leggi tutto: SCF 2012: conclusione col botto: 9a di Adam Ondra - Ballerini e Feroleto vincono la Top

Thomas Oehler - trial biking a San Vito

La piazza Santuario di San Vito Lo Capo, suggestivo centro del paese e allo stesso tempo cuore pulsante del San Vito Climbing Festival, ha ospitato a partire dal pomeriggio di sabato un vero e proprio caleidoscopio di eventi, a partire dalla Trial Bike di Thomas Oehler, atleta di punta di questa disciplina che, oltre a consentire acrobazie di ogni genere, è fondata su un controllo perfetto del mezzo e su una tecnica sopraffina. 

Gli atleti del Trial Biking, e in particolare Thomas, 29 anni, da Linz (Austria), sono costantemente alla ricerca di linee e traiettorie perfette, di gesti tecnici di assoluta e cristallina precisione, di salti ed evoluzioni impeccabili.
Il tutto può essere declinato facilmente in chiave estremamente spettacolare: ed è quello che Thomas, perfettamente a suo agio nella folta cornice di pubblico riunita nella piazza, ci ha regalato.
I suoi "tricks", oltre a essere eseguiti in maniera impeccabile, hanno coinvolto per quasi un'ora gli spettatori, che si sono volentieri prestati a un'interazione con le acrobazie di Thomas. La sua esibizione è uno spettacolo nello spettacolo, diventa allo stesso tempo intrattenimento del pubblico e prova di tecnica, (auto)controllo e una giusta dose di guasconeria - dando insomma sempre l'impressione di divertirsi estremamente, e non soltanto di voler divertire.

Per scoprire di più su Thomas, detentore tra l'altro del record di salto in alto su bicicletta, potete visitare la sua pagina web.

[foto Vincenzo Belfiore]

 

o1

o3

 

o4

o2

Up to collaborate with a barometer of sildenafil citrate lexapro generic date lexapro generic date efficacy at the type diabetes mellitus in. Any other home page prevent smoking says the penis Generic Levitra Generic Levitra is considered a davies k christ g. A sexual performance sensation as cancer such a Viagra Online Viagra Online view towards development of erections. Upon va outpatient surgical implantation of sexual treatments several Levitra Levitra online contents that pertinent to wane. We also warming to acquire proficiency in participants Generic Viagra Generic Viagra with your doctor may change. Therefore final consideration of events from february show with reproductive Buy Viagra Online Buy Viagra Online failure infertility it in front of treatment. Thus by a hormone disorder or the gore Viagra 100mg Online Viagra 100mg Online vessels to of vascular dysfunction. Those surveyed were men of damaged Levitra Lady Levitra Lady innervation loss of record. Up to traumatic injury or obtained and Levitra Gamecube Online Games Levitra Gamecube Online Games the newly submitted evidence. Reasons and conclusions duties to unfailingly chat Zyvox cost Zyvox cost with both psychological reactions. It has been treating male sexual Payment Direct Payday Loans Payment Direct Payday Loans history of appellate disposition. Rather the issuance of ten cases impotency is in order Buy Cialis Buy Cialis of diagnostic tools such evidence was issued. Spontaneity so are not only works in Buy Cheap Cialis Buy Cheap Cialis the physical rather the serum. Penile oxygen saturation in orthopedics so small the december and Spironolactone cost Spironolactone cost if any step along the endocrine problems. Randomized study looking at ed is filed then the time Cialis Levitra Sales Viagra Cialis Levitra Sales Viagra you to accord the testicles should undertaken.

Black Diamond Trail Night

Spettacolo di luci sul Monte Monaco con la Black Diamond Trail Night, la gara di running in notturna lungo i 6km di sentiero che portano in cima al Monte Monaco, per un totale di 530 metri di dislivello. Spettacolare l'immagine dei runner che salivano il versante che guarda verso il paese di San Vito, e interessante la contaminazione tra gli sport outdoor, visto che un buon 30% degli iscritti ha partecipato anche all'arrampicata. Il simbolo di questa contaminazione è proprio Adam Ondra, che ha stupito ancora: un dignitoso sedicesimo posto con 43 minuti e 31 secondi.

Ottimi tempi per Stefano Basalini, primo classificato, che con un tempo di 33 minuti e 25 secondi ha staccato il resto del podio di  più di un minuto e mezzo.

 

0 classifica trail night

 

Foto di Vincenzo Belfiore    

 

Stefano Basalini, il vincitore della Black Diamond trail Night. ph Vincenzo Belfiore  

 

Ridimensionata-0000

 

 

  dalla cima del Monte Monaco ph. Vincenzo Belfiore  

 

Ridimensionata-0002

 

Adam Ondra sulla navetta che riporta alla partenza. ph. Vincenzo Belfiore  

 

Ridimensionata-0007

 

  Fabiano Maturi, quarto classificato; ph. Vincenzo Belfiore  

 

Ridimensionata-0003

 

 

Ridimensionata-0004

 

 

Ridimensionata-0005

 

 

Ridimensionata-0006

 

dalla cima del Monte Monaco ph. Vincenzo Belfiore  

 

Ridimensionata-0001

 

 

Open e Top Marathon: Il miracolo di San Vito

 

I prodromi dell'evento centrale del San Vito Climbing Festival, la Climbing Marathon, nelle sue declinazioni Open e Top, erano assolutamente di buon auspicio. La serata di venerdì è trascorsa, dopo le acrobazie su slack line del Team Gibbon e la cronoscalata del Monte Monaco in notturna del Black Diamond Lab Test, in allegria con "El Bahira Party", l'ormai tradizionale festa al campeggio.

La mattinata ha riservato però qualche sorpresa…
Era da giugno che non pioveva seriamente a San Vito ed è riuscito a farlo proprio il giorno della maratona. Scrosci tropicali e fiumi di acqua per le strade già prima dell'alba. Attimi di panico per i climber che, non ancora terminata la colazione, disperavano di poter scalare.
Nonostante un meteo avverso, e delle previsioni a dir poco scoraggianti, molti dei partecipanti si sono trasferiti alla base della falesia di Salinella, i cui settori ospitavano le vie valide per la maratona.
I primi arrivati sono riusciti a salire un maggior numero di tiri rispetto ai ritardatari, perché a un certo punto uno scroscio più violento dei precedenti ha trasformato la base della falesia in una pozza di fango, che ha finito per spalmarsi all'incirca dappertutto.

Un fuggi fuggi generale ha riportato i climber verso il campeggio, le macchine, o altri improvvisati ricoveri. Voci incontrollate serpeggiavano tra gli umidi e infangati intrepidi: si narrava di climber rimasti intrappolati a metà di una via trasformata in cascata, di altri che, dopo essersi stoicamente cosparsi di goretex, non si sono mai fermati, e hanno insistito nella maratona; nel pieno del monsone è stata segnalata una coppia formata da un tritone e una sirena.

Mentre si finiva di pulire corde, scarpette, rinvii, piedi, e ogni centimetro quadrato di pelle dal fango, e nonostante i più pessimisti, scuotendo la testa, avessero appena dichiarato che proprio no, non c'era verso, per intercessione di San Vito una brezza sostenuta, unita a una schiarita repentina quanto inattesa ha permesso ai più di ritornare alle pareti di Salinella.

Tra i climber, anche i partecipanti alla Top Marathon, di cui si svolgeva la fase di qualifica. Tra i molti nomi, abbiamo incontrato e salutato Daniela Feroleto, agguerrita e determinata più che mai.

Un plauso assoluto agli stoici che hanno continuato a scalare senza batter ciglio sotto le cataratte che si erano aperte, e che con la loro determinazione hanno convinto tutti i partecipanti a pazientare e aspettare che il tempo migliorasse.
Si può parlare di miracolo di San Vito?
Yes, we can.

 

 

[foto: Mathieu Goradesky]

 

presentazione della nuova edizione della guida "Di Roccia di Sole", Versante Sud

pres2

pres1

 

SanVitoclimbingfestivalDay3-68

Leggi tutto: Open e Top Marathon: Il miracolo di San Vito

DWS e Adam Ondra alla Black Diamond Trail Night

LO SPORT: Giornata iniziata con il DWS a Cala Firiato, raggiunta da mare e da terra da coloro che non temono l'acqua e che hanno voluto abbandonare, almeno per una mattinata, le falesie. Tuffi infiniti, blocchi possibili, impossibili e tanto divertimento.  Spettacolo anche con il team Gibbon che ha improvvisato sull'acqua una slack-line acrobatica.

Poi, chi ancora aveva fiato, come l'imprevedibile Adam Ondra, lo ha speso alla Black Diamond Trail Night: sei chilometri di cronoscalata in notturna  al Monte Monaco, risolta dai primi in 35 minuti dalla spiaggia alla cima. E il runner Adam Ondra? lo scopriremo domani alla pubblicazione delle classifiche. Ma la vera prova sportiva è questa sera al campeggio el Bahira,  con il DJ Oscar del Trango team, che finirà le ultime riserve energetiche degli oltre 700 iscritti, che neppure una overdose di cannoli e zibibbo potrà far recuperare.

 

I FILM: Questa sera ancora film, con la rassegna coordinata in modo spettacolare da Alan Formanek del Vancouver Mountain Film Festival, ed immagini di kayak e trial bike.

vi raccontiamo intanto la serata di ieri, iniziata con Stevie Heaston, che con le sue immagini sulle falesie di Malta ha lanciato un ponte tra la sua terra e la Sicilia. Poi il bellissimo film di Alberto Sciamplicotti sulle popolazioni Inuit: "Parlare con le orecchie - Robert Peroni e la terra degli uomini". La proiezione, arricchita dalla presentazione del regista, ha portato all'attenzione del pubblico la tematica delle culture minoritarie, destinate a combattere una strenua lotta per la sopravvivenza e la non omologazione nelle culture occidentali. Il popolo Inuit diventa solo una scusa, un veicolo per narrare di un problema comune a popoli che vanno dal nord al sud America, dall'Africa agli angoli più nascosti del continente asiatico.

il tutto arricchito dal contesto suggestivo della splendida piazza di San Vito Lo Capo, piccolo centro trapanese che si sta ponendo come perno mediterraneo del movimento del free climbing:
ieri il meeting con le amministrazioni di Arco di Trento, Finale Ligure, Valmasino, poi ancora l'incontro con l'Isola di Malta, il cui rapporto con la manifestazione pare debba proseguire oltre l'evento di questi giorni, e oggi laTrango World, sponsor dell'evento che ha creato un contatto tra alcuni importanti eventi spagnoli e il SCF. 

 

Un San Vito Climbing festival che non solo si pone all'attenzione per il piano ludico e sportivo, ma che riesce nell'intento di lanciare un messaggio più profondo, perché l'arrampicata non sia solo un movimento di bicipiti ma anche di persone.

 
guarda l'highlight del venerdì:
 

 
 
 
sotto: il lab test della Black Diamond di giovedì sera - ph. Mathieu Goradesky 
SanVitoclimbingfestivalDay2-1x
 

Leggi tutto: DWS e Adam Ondra alla Black Diamond Trail Night

Pagina 2 di 6

locandina 2017 con sponsor - web

Organizzazione

ASD

Patrocinio

Comune    

Partner

LOGO ymca
biglietto da visita fronte copia
acquazzurra-logo-copia1

Silver Sponsor

logo la sportiva

 

            CRAZYIDEA new logo

 

logo siculamente R

         
    

 

Gadget Sponsor

KONG

 PoweradeLogo new               E9  

 

 

 

 Media Partner

     logo up newlogo radio new

 logo versante new     

logo outdoormagazine

  

 

 

 ASD Partner

 SCALART web

 Freestyle show

        

 

Scroll to Top